(ANSA) – TEL AVIV, 16 MAG – La polizia israeliana “ha violato in maniera molto brutale” il diritto “alla libertà religiosa” della Chiesa durante i funerali della reporter Shireen Abu Akleh. Lo ha detto l’incaricato di affari della Delegazione apostolica in Terra Santa, padre Thomas Grysa, durante una conferenza stampa a Gerusalemme. Un diritto, ha spiegato, “incluso nell’accordo fondamentale tra Israele e Santa Seda”.

“Questo episodio – ha aggiunto – costituisce un momento di tensione fra Israele e Santa Sede, anche se non è il primo”.

“Siamo sconvolti per le modalità ingiustificabili per quello che è accaduto e vogliamo denunciare e condannare in maniera chiara e inequivocabile”. Lo ha detto il Patriarca latino di Gerusalemme Pierbattista Pizzaballa. “Le ragioni di sicurezza non possono giustificare un evento di questo genere – ha aggiunto – , che colpisce la sensibilità della comunità cristiana e non solo, soprattutto in un momento così delicato come quello che stavamo vivendo”.

(ANSA).

Fonte notizia: La Nuova Sardegna > Homepage

URL originale: Read More